L'amore di una coppia tra emozioni lecite e illecite, disillusioni e asprezze di un quotidiano

VIVERE

VIVERE

100 min | Commedia | Italia

Gli orari indicati corrispondono all'inizio di pubblicità e trailer.

Lo spettacolo inizia 5 minuti dopo.

La programmazione potrebbe subire variazioni senza preavviso.


Regia

Francesca Archibugi

Attori

Micaela Ramazzotti Adriano Giannini Massimo Ghini Marcello Fonte Roisin O'Donovan Andrea Calligari Elisa Miccoli Valentina Cervi Enrico Montesano

Genere

Commedia

Durata

100 min.

Nazione

Italia

Tipo

Film

Classificazione

Per Tutti

Trama

La piccola Lucilla Attorre soffre di asma e appare subito evidente che sia un'affezione psicosomatica: la madre Susi, insegnante di danza ad un gruppo di "culone che vogliono dimagrire", è sempre di corsa, dimentica le proprie cose dappertutto e trascina qua e là la sua bambina come un carrello della spesa; il padre Luca è un giornalista freelance "stronzo e sfigatello" con un debole recidivo per le donne; e il fratellastro Pierpaolo è il ricco e viziato erede (da parte di sua madre Azzurra) di una dinastia di avvocati ammanicati con la politica. In questo quadretto disfunzionale si inserisce Mary Ann, una au pair irlandese cattolica che scardina definitivamente i già precari equilibri domestici. Testimone (quasi) silenzioso degli andirivieni della famiglia è il vicino Perind (soprannome che sta per perito industriale), un tipo inquietante dalle strane abitudini. Riusciranno gli Attorre a sopravvivere o il loro nucleo familiare esploderà definitivamente?

Note

A dispetto del titolo del film, Francesca Archibugi, Francesco Piccolo e Paolo Virzì uniscono le forze (come già avevano fatto per Notti magiche) per firmare una sceneggiatura che diventa ad ogni scena più improbabile e più lontana dalla vita vera. Tuti i personaggi sembrano filtrati attraverso un immaginario "borghese" dimenticando l'autenticità delle psicologie e delle reazioni agli eventi.

Eventi che peraltro si affastellano senza sosta, secondo un ritmo da feuilleton televisivo: infatti sul piccolo schermo Vivere avrebbe funzionato molto meglio, perché i toni sopra le righe, le caratterizzazioni stereotipate e i continui colpi di scena sarebbero stati coerenti con lo stile delle fiction "latine". Ma il grande schermo richiede più delicatezza, più sfumature e meno luoghi comuni: cosa che sa bene Archibugi, che ha alle spalle i toni misurati di film come Il grande cocomero o Mignon è partita, ai quali il film Vivere rimanda immediatamente data la presenza della ragazza straniera calata nel contesto di una famiglia italiana dai costumi diversi dai suoi.


Nei nostri cinema